Aziende e Dintorni

Fatti e persone del mondo del lavoro

Scopri di più

Quali saranno i trend del 2021?

Digitalizzazione e formazione continua le keyword.

Per delineare prospettive e tendenze del mercato del lavoro per il 2021 abbiamo coinvolto direttamente le aziende attive sulla nostra piattaforma. Chi, infatti, meglio di voi può identificare i trend che ci accompagneranno in questo anno ricco di attese? 

 

Il primo dato che emerge riguarda le assunzioni completate nel 2020 ed è molto incoraggiante.
Se a inizio anno il 74,3% delle aziende aveva intenzione di assumere nuove risorse, in chiusura di un anno così difficile oltre la metà ha comunque ampliato l’organico.

 

Il dato ancora più ottimistico riguarda il 2021: la maggior parte delle aziende intervistate afferma di essere pronta ad ampliare il numero di risorse.

 

Il 47% pensa a un incremento, seppur debole e il 25,7% addirittura dichiara di prevedere un aumento consistente, dovuto al fatto che il business in cui opera o non si è mai fermato o è in ripresa.
Permane un 12,5% che prevede nuove assunzioni solo in caso di sostituzione delle risorse dimissionarie, un 9,7% che non intende assumere in nessun caso e un 5,6% che valuta invece la riduzione dell’organico.

 

Per chi nel 2021 assumerà, è fondamentale puntare sulla qualità delle risorse 

 

Questa è la convinzione di oltre il 37% degli intervistati, mentre per il 31% non cambieranno le modalità di selezione dei candidati rispetto al passato.

Il 16,8% delle aziende preferirà dare incarichi flessibili, più adatti all’attuale momento di incertezza, mentre solo il 5,3% dichiara di avere la necessità di assumere nuove figure professionali rese necessarie dall’emergenza e dalle nuove esigenze del mercato.

 

Ma chi non assumerà nuove figure nel 2021 come affronterà il business? 

 

Formazione e agevolazioni, questo quanto emerge dall’indagine.
Il
74,4% delle aziende è, infatti, pronto a investire sulla formazione e sullo sviluppo delle risorse interne per trattenere i talenti già nell’organico, eventualmente riqualificandoli, mentre il 18,8% farà invece ricorso alla cassa integrazione per non ridurre l’organico.  Il 5,3%, invece, non nega che ci potranno essere dei tagli durante l’anno in corso. 

 

Rispetto allo scenario del lavoro 2021, Filippo Saini, Head of Job di InfoJobs, afferma: “Ci aspettiamo un inizio d’anno atipico dal punto di vista del lavoro, dovuto all’incertezza ancora persistente degli effetti della pandemia e degli sviluppi legislativi. In questo scenario mutevole, rileviamo dalle aziende un solido atteggiamento di determinazione e propensione alla continuità del business, che premierà ancora e sempre più la tecnologia, quale partner irrinunciabile del lavoro, e la formazione, sulla quale molti sono disposti a investire in modo incrementale.”

 

I trend per il mercato del lavoro 2021 secondo le aziende intervistate

 

1 – DATA DRIVEN HR ovvero la digitalizzazione al servizio delle persone (34,5%) in crescita del 2,5% rispetto all’anno precedente. Il digitale è essenziale non solo per chi lavora in smart working ma anche come strumento per l’ottimizzazione di tempi e processi di tutte le aree e funzioni aziendali, HR in primis. Gli strumenti digitali diventano un alleato affidabile, imparziale, in grado di accelerare e semplificare i processi, anche di assunzione, liberando così tempo a valore aggiunto per i dipendenti.

 

2 – UPSKILLING E RESKILLING ovvero formazione continua (25%) l’investimento in formazione è sinonimo di rafforzamento delle hard ma anche delle soft skill, sempre più importanti nel nuovo scenario lavorativo.

 

3 – ORGANIGRAMMA LIQUIDO ovvero gli obiettivi vincono sul cartellino (16,4%) la priorità e la valutazione delle performance si concentrano sempre di più sugli obiettivi raggiunti, sull’autonomia e sull’empowerment, soprattutto in un anno che ha fatto scoprire lo smart working di massa, dove controllo e presenza cessano di essere un valore di riferimento.

 

4 – PURPOSE DRIVEN HR ovvero creare cultura d’impresa (15,5%) la scommessa per il futuro è la creazione di una forte condivisione di valori e cultura d’impresa a tutti i livelli, dai vertici ai dipendenti, perché lo scopo per cui si fa business è sempre più centrale per il business stesso. Questo è il trend cresciuto maggiormente rispetto al 2020 (+9%).

 

5 – EMPLOYER BRANDING ovvero la necessità di far sentire i dipendenti parte del gruppo (8,6%) ormai fondamentale sia per chi entra in un nuovo team sia per trattenere chi è già nell’organico e far sì che anche l’eventuale distanza del lavoro agile non sia un ostacolo al senso della squadra.

 

 

*Fonte: indagine InfoJobs su un campione rappresentativo di 144 aziende sul territorio nazionale, realizzata a gennaio 2021.

- -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Contattaci

I nostri consulenti ti consiglieranno le soluzioni InfoJobs più in linea con le tue esigenze.

02 83595065 02 83595065